Venezia vista dall’alto: campanili, scale o torri?

san marco

No Comments

Venezia è un pesce, lo sappiamo; o un’isola, se preferiamo dire le cose più convenzionalmente. Per quanto tutti sappiano come questa città sia circondata dalle acque tranquille della laguna veneta,  una volta sbarcati nel centro storico non è così semplice definire i contorni dell’isola.

La prima cosa che ci viene in mente, allora, è trovare una posizione privilegiata – dall’alto – per renderci conto dei confini e del posizionamento di questa meravigliosa perla dell’Adriatico. Ci sono diverse postazioni strategiche, non ultime le viste panoramiche di molti splendidi palazzi, che si affacciano sui tetti di Venezia (avete visto l’attico di Ca’ Lodovica?). Sicuramente vi consigliamo di salire sull’altissima Scala del Bovolo, o all’ultimo piano del Museo del Settecento di Ca’ Rezzonico, senza dimenticare, quando aperta, la meravigliosa Torre di Porta Nuova all’Arsenale.

arsenale venezia

La vista dalla Torre di Porta Nuova all’Arsenale

Ma di sicuro, il belvedere perfetto e il punto panoramico per eccellenza su Venezia non può che essere il ballatoio del Campanile di San Marco (senza dimenticare ovviamente l’altro incredibile campanile, quello di San Giorgio).

Una volta raggiunta la loggia panoramica del Campanile di San Marco, poco sotto i quasi 100 metri della sommità, si apre allo sguardo una delle viste più emozionanti di Venezia. Dal collegamento a Ovest con la terraferma al Mare Adriatico al di là del Lido di Venezia. Se la giornata è limpida e tersa, potrete vedere le Dolomiti come non le avete mai viste prima, immaginando quasi di toccarle.

Scala del Bovolo-vista-6

Venezia vista dalla Scala del Bovolo

Tutto sembrerà più chiaro: Venezia, un pesce? Esatto. Una splendida isola? Certamente. Una piccola città costruita sull’acqua e contornata da altre stupefacenti isole? Verissimo. Ma non solo: da qui potrete contare le decine di campanili, percorrere con lo sguardo la dorsale del Canal Grande, intravedere le chiese più possenti e palazzi più magnificenti. Non riuscirete a smettere di fotografare o riprendere la bellezza di Venezia, ma di sicuro vi consigliamo di farlo, almeno per un momento. Lasciate da parte i vostri device fotografici e lasciatevi sedurre dall’incantesimo veneziano, soprattutto se visiterete il campanile di San Marco al tramonto: il ricordo indelebile è garantito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *