Un giorno a Venezia: Castello

arsenale castello

No Comments

Ecco un’altra tappa del nostro viaggio a Venezia, giorno per giorno, sestiere per sestiere. Se avete il tempo necessario, una giornata da dedicare al bellissimo sestiere di Castello è doverosa. Qui gli spazi si fanno in parte più ampi e la città sembra prendere un respiro diverso, più autentico, anche per via dei molti abitanti che lo popolano.

Le Chiese

La Basilica di San Pietro di Castello è situata in un’isola nell’isola. Ve ne innamorerete subito attraversando uno dei lunghi ponti necessari a raggiungerla. Cattedrale e sede Patriarcale di Venezia fino al 1807, questa chiesa è contornata da uno splendido prato verde sede, verso fine giugno, della splendida sagra dedicata a S. Piero. Imperdibili anche la magnificente chiesa di San Giovanni e Paolo che si staglia possente sull’omonimo campo (accompagnata dall’antico monastero ora sede dell’Ospedale Civile), la splendida facciata palladiana della Chiesa di San Francesco della Vigna e la nascosta ma bellissima chiesa di San Zaccaria.

 

I percorsi panoramici

A Castello gli spazi si dilatano e offrono itinerari – anche lineari – con vista. Percorrere Riva degli Schiavoni al tramonto è un’esperienza unica, costeggiando il Bacino di San Marco e aspettando che il sole si tuffi dietro la Basilica della Salute. Ma sul versante opposto, dietro l’Arsenale, camminare sulla passerella sospesa che porta dalla Celestia ai Bacini offre un’esperienza panoramica altrettanto unica. Godersi invece il verde della zona di Sant’Elena, magari seduti su una delle molte panchine sotto gli alberi può essere invece una pausa perfetta nelle calde estati veneziane (così come il bel Giardino della Marinaressa).

 

L’arte a Castello

Proprio qui si trovano le sedi principali della Biennale: l’Arsenale e i Giardini. Una visita per gli amanti dell’arte e dell’architettura diventa indispensabile dunque, se siete a Venezia da maggio a novembre. In questi mesi infatti l’intera area è attraversata da un fermento di appassionati e non solo che spesso si ritrovano dopo la chiusura della mostra a bere un aperitivo al tramonto nella caratteristica Via Garibaldi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.