Pompieri, polizia e ambulanze: a Venezia tutti in barca

barca venezia pompieri

No Comments

Ma a Venezia come si fa? È una domanda ricorrente tra i visitatori dell’isola. Come si fa a spostarsi, a trasportare le merci, come fanno ad arrivare i soccorsi in caso di emergenza o quali sono i mezzi che i pompieri e la polizia usano in città? Niente camion, autopompe, furgoni, jeep e autopattuglie. Tutto ciò che viaggia su ruote, tranne gli indispensabili carretti a trazione “umana”, a Venezia non possono circolare.

E allora, quando c’è un’emergenza, ma anche quando si devono trasportare cose, rifiuti, o semplicemente fare un trasloco a Venezia, come si fa? La risposta è semplice, ma non così scontata se la domanda emerge così spesso. Tutto, ma proprio tutto, a Venezia naviga sull’acqua. È la natura di questa città unica che sorge sui flutti, è la bellezza di un’arcipelago artificiale che vive in simbiosi con la natura e le maree (o almeno ci prova). La fitta rete di rii e canali permette di arrivare quasi ovunque, o comunque nelle vicinanze dei luoghi che vogliono raggiungere.

È così che tutti i mezzi d’emergenza sono delle imbarcazioni: dalle idroambulanze alle barche dei pompieri ai motoscafi della polizia e dei carabinieri. Capita alle volte di sentirli sfrecciare a sirene spiegata lungo il Canal Grande o attraverso i canali della laguna e, per chi non è abituato, sembra in effetti strano. Ma per Venezia è semplicemente la continuazione di una tradizione millenaria che da sempre ha dovuto far a meno di alcuni mezzi di trasporto sviluppandone però efficacemente altri.

E allora tutto, ma proprio tutto, qui viaggia senza ruote, dalle imbarcazioni per smaltire i rifiuti (la raccolta avviene porta a porta attraverso carretti trainati a mano) ai taxi, acquei ovviamente; dai carri funebri (che non sono carri, ma barche) ai trasporti di ogni tipo, dalle persone alle merci alle opere d’arte.

Strano, ma vero. Anche questa è la bellezza di Venezia.

PRENOTA SUBITO IL TUO APPARTAMENTO A VENEZIA

Foto di copertina dal sito dei Vigili del Fuoco di Venezia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *