Perché amare l’autunno veneziano

No Comments

Ci sono molti modi – e altrettanti tempi – per amare Venezia. Ognuno ha le sue stagioni preferite, quelle che lo fanno sentire meglio, quelle che segnano un benessere fisico e dell’anima. Perché allora non far coincidere questi momenti con una bella vacanza in laguna? Se l’autunno sta dalla vostra parte, siete fortunati: Venezia è splendida in questa stagione.

Sono molti a essere affascinati da quel periodo un po’ incerto compreso tra la coda dell’estate e i primi avvisi d’inverno. Ma, si sa, in autunno non ci sono certezze. Potete vivere una meravigliosa Estate di San Martino in novembre o freddi venti ottobrini senza preavviso. Quando la fine di settembre è fresca e assolata invece, con splendide giornate terse e temperature perfette per stare all’aria aperta, il clima è perfetto per una biciclettata al Lido o un’ora di relax nei meravigliosi giardini dei musei o dei parchi pubblici.

La “normalità” di ottobre permette di conoscere una città diversa da quella in versione “estiva”. Spesso questo mese regala settimane meteorologicamente clementi e inaspettati colori, non solo al tramonto. E’ il periodo perfetto per visitare le grandi esposizioni d’arte dell’isola, ma anche per bere un aperitivo prima di pranzo sotto i tiepidi raggi del sole di mezzogiorno. Molti arrivano in città per correre, non solo per la Venice Marathon però.

Aspettando la fine dell’autunno potrete già imbattervi nelle prime acque alte: il mare invade calli, campielli e fondamente ribadendo il difficile, ma affascinante equilibrio di una città costruita sull’acqua. Alle volte, aprendo una finestra del vostro appartamento, vi sveglierete affrontando uno spesso muro di nebbia bagnata. Non abbattetevi, il fascino veneziano ci guadagna, nelle umide notti brumose e nelle fascinose giornate dove la nebbia si dissolve solo nelle ore centrali per lasciare il passo ai deboli raggi di un sole quasi invernale.

Se amate le tradizioni, l’autunno veneziano offre uno dei momenti più sentititi dagli abitanti dell’isola: la Festa della Madonna della Salute. Un’atmosfera unica e ricca di spiritualità, tra candele e ponti votivi fatti di barche. Venezia è sempre Venezia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.