La vacanza perfetta a Venezia in inverno

Venezia inverno

No Comments

Di sicuro Venezia non è famosa per inverni lunghi e freddi, per grandi nevicate o per i venti polari. Certo, anche l’isola della laguna ha le sue giornate fredde, i suoi momenti di Bora (il vento che soffia, a volte impietosamente, da Nord Est) e le sue rare – ma magiche – precipitazioni nevose. Quello che non manca mai a Venezia è il fascino mutevole di una città che cambia in ogni stagione senza perdere di intensità. È così che anche l’inverno è una stagione perfetta per visitare Venezia.

Al di là dei grandi eventi, oltre l’atmosfera natalizia e ai festeggiamenti di Capodanno, lontano dalle scorribande del Carnevale, dicembre, gennaio e febbraio sono mesi da non trascurare se state progettando una vacanza a Venezia. Il clima mite della laguna, l’azione moderatrice del mare e la posizione riparata garantiscono alla nostra isola giornate piacevoli durante tutto l’anno. Oltre a un autunno con temperature tutt’altro che rigide (per non parlare dell’Estate di San Martino), anche nei mesi invernali Venezia è perfetta per essere scoperta con una prospettiva diversa, provando ad arrivare all’essenza di questa città unica al mondo.

Un tempo si definivano questi mesi “fuori stagione”, per via di un flusso di visitatori nettamente inferiore rispetto agli altri periodi dell’anno. Se è vero che oggi le cose sono un po’ cambiate, e durante tutto l’anno Venezia non smette di esercitare il suo fascino irresistibile, allo stesso tempo è vero che i mesi invernali permettono la scoperta della città con ritmi più tranquilli.

Ora è dunque il momento perfetto per per prenotare il vostro appartamento a Venezia per questo inverno scegliendo tra le tante offerte disponibili che vi consentiranno anche di risparmiare rispetto ad altri periodi dell’anno. Il segreto comunque rimane sempre lo stesso: progettare una visita a Venezia con amore, avvicinandosi a questa realtà così diversa da tutte le altre con rispetto, in punta di piedi, mettendo al centro la sua storia e la sua unicità e facendo in modo che l’unica traccia del nostro passaggio rimanga nelle emozioni e nella memoria di una scoperta meravigliosa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *