I migliori piatti tradizionali veneziani

moeche piatti tradizionali veneziani

No Comments

Dei veneziani si può dire tutto, ma non che non amino mangiare bene. Magari non saranno ricette gourmet – spesso infatti gli ingredienti sono di natura povera – ma la soddisfazione nell’assaggiare i migliori piatti tradizionali veneziani è assicurata. Abbiamo visto come scegliere il ristorante a Venezia e quali sono i migliori cicchetti, ecco allora qualche indizio sui piatti da ordinare al ristorante se volete entrare completamente nelle atmosfere culinarie della città.

SARDE IN SAOR

Un must. Una prelibatezza da non lasciarsi scappare (a meno che non abbiate previsto incontri galanti per la serata). Le Sarde in saòr sono infatti sardine fritte immerse in abbondante cipolla appassita a fuoco lento con l’aggiunta di una buona dose di aceto. Alcune ricette prevedono anche l’aggiunta di uvetta e pinoli. Un classico tra i piatti tradizionali veneziani.

 

POLENTA E SCHIE

Un antipasto gustoso che abbina due prodotti tipici del territorio: piccoli gamberi di laguna fritti adagiati su un letto di polenta gialla morbida. Qualche chef propone questo piatto tradizionale anche in versione finger food in piccoli bicchierini.

 

MOLECHE

Non le troverete purtroppo tutto l’anno, ma solamente nei mesi più freddi, se sarete fortunati. Le moleche sono piccoli granchi verdi pescati esclusivamente nel brevissimo periodo della muta (che dura poche ore). Il guscio è quindi morbido, ideale per essere impanato e fritto. Sono anche ripiene d’uovo.

 

RISOTO DE GO’

Di risotti ce ne sono a decine in Italia, ma quello veneziano per eccellenza è con i gò (ghiozzo), un pesce tipico della laguna veneziana.

 

FEGATO ALLA VENEZIANA

Un’altra ricetta imperdibile tra i piatti della tradizione veneziana: fegato di vitello cotto con cipolle bianche, olio extra vergine di oliva e un tocco di vino bianco verso fine cottura. Il piatto è molto saporito e non per tutti.

 

SEPE COL NERO

Immancabile sulle tavole veneziane, la seppia della laguna viene declinata in molti modi. Cotta in tegame con il proprio inchiostro, olio, aglio, prezzemolo e vino bianco diventa morbida e profumata, deliziosa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.