Campanili da non perdere a Venezia

campanile madonna dell'orto

No Comments

Svettano incontrastati tra case e palazzi e punteggiano Venezia con calcolata casualità. Sono i campanili veneziani. Ce ne sono più di 100 (170, più o meno, dipende se si comprendono anche quelli delle isole) e, se a una prima occhiata possono sembrare simili tra loro, in realtà offrono storie e architetture differenti. 

Ogni chiesa ne ha uno, ma non è sempre vero; sono tutti altissimi, ma a volte non troppo; suonano a tutte le ore, ma solo alcuni. Come per altre cose a Venezia, insomma, le contraddizioni non mancano. Nonostante siano ancora molti, col passare dei secoli anche lo skyline veneziano costellato di campanili è andato trasformandosi: alcuni sono stati abbattuti perché pericolanti, altri sono crollati, altri ancora restaurati o ricostruiti com’erano, dov’erano. Potete usare i campanili di Venezia come punto di riferimento se rischiate di perdervi a Venezia, oppure potete costruire un itinerario per ammirare i più belli o i più curiosi. Ecco allora alcuni campanili da non perdere a Venezia.

 

CAMPANILI VISITABILI

campanile san marco

Purtroppo non sono molti, ma la vista che si può godere da lassù in cima è impagabile. Ovviamente il più alto – e il più frequentato – è il Paron de Casa, così i veneziani chiamano il Campanile di San Marco. La sua cella campanaria ospita la famosa Marangona (una grande campana) che scandiva l’orario di lavoro dei carpentieri dell’Arsenale e convocava le sedute del Maggior Consiglio. Il campanile che vediamo ora non è quello originale del IX secolo, bensì una ricostruzione dopo il crollo avvenuto nel 1902 (il biglietto costa 8 euro, in inverno visitabile solo la mattina). Altrettanto spettacolare è la vista dal meraviglioso Campanile di San Giorgio, nell’isola omonima proprio davanti a Piazza S. Marco. Se volete provare qualcosa di diverso, visitate invece la meravigliosa Torre dell’Orologio.

 

CAMPANILI PENDENTI

campanile greci

Non c’è solo la Torre di Pisa a sfidare la forza di gravità. Anche a Venezia alcuni campanili sembrano proprio sul punto di cadere: provate a guardare il Campanile di San Giorgio dei Greci, quello di Santo Stefano o quello di San Piero di Castello.

 

CAMPANILI ALTERNATIVI

campanile san giacometo

Non sono tutti uguali i campanili di Venezia. La Chiesa della Salute, ad esempio, ne ha due, gemelli, sul retro; quello di San Giovanni e Paolo, come molti altri, è costituito solo da campane sul tetto della chiesa; altri ancora, come quello della Madonna dell’Orto, hanno caratteristiche visive molto affascinanti, o fungevano da orologi (S. Giacometo) o altri ancora risultano mozzati (Santa Margherita e San Boldo).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.